Crescere con una favola – come inventare Storie-su-misura

Milton Erickson sosteneva che ciò che muove i bambini è il bisogno di esplorare ed imparare dalle nuove esperienze. Uno dei compiti di un genitore può essere interpretato estendendo le parole di Erickson al facilitare il più possibile il bambino in questo percorso.

Uno degli strumenti per riuscirvi è la sensibilità nel riconoscere che cosa serva al bambino per superare le difficoltà del momento. Il passo successivo è incentivarlo ad affrontarle. Tuttavia non sempre gli adulti hanno la sensazione di sentirsi adeguati in questo processo anche per via di messaggi discordanti da quelli familiari.

Il racconto orale è da sempre il mezzo privilegiato per trasmettere la conoscenza, ma negli ultimi anni è stato sempre più sostituito dalla televisione e dal suo specifico modo di raccontare. I contenuti sono cambiati e anche il genere delle storie si è modificato.

Da una valenza culturale si è passati all’intrattenimento e ciò che attira di più non sempre ha in sé un valore educativo. In alcuni casi addirittura altre culture hanno sostituito i loro esempi ai nostri, questo è il caso dei cartoni animati giapponesi che hanno portato modi di espressione delle emozioni con una carica intensissima alla quale i bambini occidentali non erano prima abituati, storie di individualismo con bambini che salvano il mondo dall’interno dei loro robot giganti e di bambine abbandonate alle prese con la nostalgia per la famiglia perduta, cliché molto lontani dai cartoni animati occidentali nei quali l’umiltà e l’unità disneyani sono i messaggi prevalenti.

Potremmo argomentare che in fondo sono solo cartoni animati, ma se crediamo che le storie non abbiamo una vera influenza, proviamo a pensare alle storie raccontate attraverso la pubblicità da industrie che vogliono vendere i loro prodotti: spenderebbero tutti quei soldi se davvero non avessero influenza?

Per questi motivi è importante recuperare un mezzo efficace ed usarlo per il bene dei nostri bambini contrapponendoci ai messaggi inappropriati provenienti dalla televisione, dai telegiornali, da molti dei cartoni animati che guardano, dai videogiochi, dai compagni aggressivi e prepotenti con i quali entrano in contatto.

Questo strumento efficacissimo in grado di raggiungere direttamente il cuore del bambino, e attraverso di esso il suo modo di ragionare, è la favola!

La favola è efficacissima: la facilità che il bambino ha di immedesimarsi nel racconto gli consente quasi di viverlo e la tecnica dell’inventare permette di costruire la storia in modo da trattare un tema attuale mostrando come affrontarlo.

Dopo anni di lavoro con bambini e adolescenti sono fermamente convinto che siano genitori e nonni i migliori narratori per i loro bambini!

Sono i genitori i migliori insegnanti per i loro figli quando sono piccoli, sono le persone presenti nella loro vita fin dal primo momento, trascorrono con il bambino più tempo e forniscono con il loro esempio un modello di ruolo su come comportarsi, su come stare con gli altri e come reagire alle diverse situazioni della vita. Attraverso le parole e i comportamenti un genitore comunica i valori familiari, come risolvere i problemi, come stare con gli altri e molte altre abilita utilissime nella vita del bambino.

Il processo del costruire una favola su misura per il proprio bambino può apparire come un ‘impresa difficile o complicata, ma si può imparare e anche rapidamente! Inoltre il tempo dedicato e la consapevolezza dei risultati ottenuti diventerà fonte di grande orgoglio per il genitore che accompagna i propri bambini nel difficile percorso della crescita.

Crescere con una favola – Come inventare Storie-su-misura.

Clicca per scaricare la locandina in pdf